Italian Afrikaans Catalan English Polish Portuguese Spanish

Emporio sociale di Modena PORTOBELLO

Amazzonia Sviluppo e Amazzonia 90 hanno sempre operato anche sul nostro territorio, sul piano della sensibilizzazione della opinione pubblica sui temi della cooperazione e della solidarietà, partecipando ad esempio al progetto “Modena chiama mondo” nelle scuole modenesi e alla redazione del periodico “Modena Cooperazione internazionale”.  Ma da un paio d’anni siamo impegnati direttamente anche in un grosso progetto di solidarietà modenese: l’emporio sociale Portobello.

Di fronte alla grave crisi economica e sociale che il nostro Paese sta attraversando e ai chiari segnali di impoverimento della popolazione anche sul nostro territorio, ci siamo sentiti in dovere di avviare una  profonda riflessione condivisa con alcune altre associazioni di volontariato modenesi che si occupano di assistenza alle persone più fragili, e ci siamo fatti, insieme al Centro Servizi per il Volontariato di Modena, di un tentativo di risposta che è sfociato nel progetto innovativo di Portobello. 

E’ un’opera che coinvolge ampia parte del mondo del volontariato modenese, il Comune e altre istituzioni locali e le imprese del territorio, e si rivolge alle persone e famiglie che hanno perso il lavoro e il reddito e sono cadute in povertà a causa della crisi. Per l’ampia adesione che ha saputo raccogliere, Portobello è divenuto un progetto della società civile intera, e sta svolgendo un servizio sociale strategico per la cittadinanza modenese: sono poco meno di 250 le famiglie assistite in questo momento e sono state 450 le famiglie assistite fino ad ora, per un totale di 1.800 persone. 

Il servizio principale riguarda i generi alimentari di prima necessità che gli utenti ammessi possono “acquistare gratuitamente” in un market gestito da Portobello mediante una tessera a punti, all’interno di un budget mensile prestabilito sulla base dei componenti del nucleo famigliare, per un periodo di 6 mesi, rinnovabili. La Tessera è fornita e caricata da Portobello; l’accesso degli utenti è gestito dai Servizi sociali del Comune sulla base di criteri valutati e condivisi con Portobello; tutta l’operazione è affidata esclusivamente al volontariato, che si è assunto insieme al Centro Servizi per il Volontariato tutti gli aspetti gestionali e operativi. Amazzonia Sviluppo, che è stato uno dei primi soggetti promotori dell’operazione, ha assunto l’impegno dell’approvvigionamento dei generi alimentari da mettere a disposizione degli utenti nel market.  Ad oggi abbiamo distribuito gratuitamente alimenti per un valore complessivo di 500.000 Euro, al valore medio di mercato degli stessi prodotti trattati dalla grande distribuzione.

Ma gli utenti non ricevono solo il servizio relativo ai generi alimentari: alcune delle associazioni che hanno aderito forniscono gratuitamente altri servizi strategici per le famiglie cadute in povertà, come l’assistenza alla gestione del bilancio famigliare, alla gestione del rapporto con la banca quando si ha un mutuo incagliato o con Hera quando non si riesce a pagare le utenze, a lezioni di rinforzo per i bambini che faticano a scuola a causa dei problemi famigliari, o alla educazione a stili di vita e consumi alimentari sostenibili.  In questi giorni stiamo organizzando un Gruppo di Acquisto per continuare ad assistere gli utenti che escono dal programma, al termine dei 6 mesi previsti, nell’acquisto dei generi di prima necessità ai minori costi possibili.  Vi è insomma una accoglienza di chi è caduto nel bisogno, amicizia che nasce, e un cammino che i volontari intraprendono insieme agli utenti, che a loro volta si sentono incentivati a ricambiare donando ore del loro tempo e svolgere volontariato o a Portobello o presso altre associazioni del territorio: diventa così anche un luogo educativo.

Rimandiamo al sito di Portobello per tutti i dati e le info più dettagliate.

 

         

 

Sviluppato da PWZ Solutions - Credits : Joomla - Joomshine